Seung-Hwan Oh, Seoul (1970)

Seung-Hwan Oh vive a lavora a Seoul, dove è nato e cresciuto, per poi trasferirsi a New York per studiare film e fotografia al Hunter College (CUNY). Ha esposto la sua serie Impermanence in mostra personale in Italia (CreArte Studio), a Londra (Gallery Elena Shchukina) e a Seoul (Zaha Museum e Kimjina Rhea Gallerie Ephemere), nonché a Parigi e New York.

Il suo lavoro e la sua pratica attingono a concetti e idee provenienti da altre discipline, dalla filosofia alla scienza. Il suo lavoro più recente, esposto al Zaha Museum, è stato ispirato dalla nozione del primo avvenimento della visione della vita sulla terra. La sua ricerca é incentrata sulla coltivazione di batteri sulla pellicola fotografica, come mezzo per esplorare l’impermanenza e i limiti della fotografia. Seung Hwan Oh abbraccia il pensiero buddista-shintoista dell’eterna impermanenza: principio immutabile è l’eterno trasformarsi di tutte le cose. Le figure umane nelle sue fotografie appaiono infatti corrose e trasformate dall’azione dei batteri.

“Il risultato visivo della simbiosi tra il materiale fotografico e la materia organica è l’origine concettuale di questo lavoro” spiega il fotografo coreano Seung-Hwan Oh dalla sua originale serie “impermanenza”, che studia l’instabilità della materia e dei limiti fisici della fotografia attraverso l’uso di batteri nel processo fotografico. La pellicola fotografica in pratica diventa terreno di coltura per microbi che si nutrono di sostanze chimiche consumando l’emulsione. Prima che si dissolva del tutto, la pellicola viene digitalizzata, fondendo le due realtà. La tensione tra ciò che viene mostrato e ciò che è stato perso è il fascino aggiunto di queste immagini.

(Nicola Perilli – repubblica.it)

MOSTRE PERSONALI

2015

“Impermanence 2012 ~ 2015”, CreArte Studio, Oderzo, Italy

“Impermanence – The Art of Microbiology” Gallery Elena Shchukina, London, UK

2013

“Impermanence_Untitled”, Kimjina Rhea Gallerie Ephemere, Seoul

2010

“Camouflage”, Zaha Museum, Seoul

2008

“Drift”, Baik HaeYoung Gallery, Seoul

2007

“The Remains of Pleasure”, Gallery Kong, Seoul

MOSTRE COLLETTIVE

2016

“Perish Lens”, Gallery Elena Shchukina, London

2015

“Soundtelling”, Sound Mapping Project with GPS System in Hamchang, Sangju, S.Korea

2014

‘소릿길’ Chungju Culture Foundation, Usanri, Chungju, S. Korea

2013

“La Quatrième Image”, Salon International de la Photographie, Espace des Blancs-Manteaux, Paris

“A Course of Evanescence”, French Cultural Center, Fukuoka, Japan

“Kashima 2013 Beppu”, Artist in Residence, Beppu, Japan

2011

“Elusive Illusion”, Gallery Muii, Seoul

2009

“Whispering Game”, Gallery Lux, Seoul